News

CARAVAGGIO SONO ILLEGITTIME E DEVONO ESSERE DISAPPLICATE LE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Sono illegittime e dovranno essere disapplicate le Norme Tecniche di Attuazione  contenute nel Regolamento Edilizio Comunale del Comune di Caravaggio che consentono il sopralzo di edifici esistenti ad una distanza inferiore a mt 10 dalle pareti finestrate dell’edificio antistante, perché violano l’art. 9 , n. 2 , del D. M.  02.04.1968, n. 1444.

Il   Tribunale di Bergamo, su nostra richiesta, con la sentenza n. 1621/2017, ha recentemente applicato il principio su riferito, formatosi a seguito della sentenza n. 162/2008 della Corte d’Appello di Brescia e della sentenza n. 4628/2013 della Corte Suprema di  Cassazione proprio in relazione ai sopralzi illegittimamente consentiti dal Piano Regolatore  ora PGT del Comune di Caravaggio . Il Tribunale di Bergamo  ha ritenuto che non è consentito il sopralzo di un edificio esistente  allorquando costituisce una nuova costruzione ( e non una semplice ristrutturazione) perché presenta nuovi volumi, superfici e sagome : il Tribunale di Bergamo ha condannato il proprietario del sopralzo ad abbatterlo.


Corte di Cassazione - Sentenza del 9 novembre 2017
Il medico risponde e risarcisce la malattia o la morte del paziente se ciò è dovuto alla sua negligenza
Con la sentenza del 9 novembre 2017, la Corte di Cassazione ha stabilito che il medico risarcisce la morte del paziente affetto da cancro se non ha prescritto accertamenti più approfonditi a partire dall'esame istologico dopo la prima visita.

Rischia il carcere il coniuge che non corrisponde l’assegno dovuto in caso di separazione

Il decreto legislativo 1 marzo 2018, n. 21 introduce, tra l’altro, l’articolo 570 bis del Codice Penale (violazione degli obblighi di assistenza familiare in caso di separazione o di scioglimento del matrimonio), il quale prevede che “le pene previste dall’art. 570 (reclusione fino a un anno o multa da € 103 ad € 1032) si applicano al coniuge che si sottrae all’obbligo di corresponsione di ogni tipologia di assegno dovuto in caso di scioglimento, di cessazione degli effetti civili o di nullità del matrimonio, ovvero viola gli obblighi di natura economica in materia di separazione dei coniugi e di affidamento condiviso dei figli.

Auto usate: se non funzionano i concessionari pagano tutta la riparazione, non solo la sostituzione del pezzo del motore.
 La Corte Suprema di Cassazione con una sentenza emessa l'8 febbraio scorso favorisce gli acquirenti danneggiati:" il concessionario dell'auto usata in caso di danni rivelatisi nel periodo di garanzia della vettura, paga tutta la riparazione e non solo il costo del pezzo" cambiato, come avveniva in passato.